"Un giorno a Shangai" alla ricerca delle proprie origini

un giorno a shangai copertina post

Tutto può cambiare in un giorno.

Una storia vera che vi toccherà nel profondo, portandovi tra sorrisi e lacrime di commozione fino a un irrinunciabile lieto fine: «Un giorno a Shangai» racconta il lungo viaggio di Barbara attraverso città, ricordi d'infanzia e verità celate, alla disperata ricerca di risposte sul suo passato. 

> ACCOMPAGNA BARBARA NEL SUO VIAGGIO <


Barbara ha 28 anni quando intraprende il percorso che la porterà a svelare i segreti in cui è avvolta la sua infanzia. Dentro ha il vuoto di tutti i bambini che sono stati adottati, la sensazione di «cerchio mai chiuso» che neanche tutto l'amore della loro nuova famiglia potrà mai colmare. Così, con l'amico Massi lascia Firenze alla volta di Livorno, sua città d'origine, e inizia a raccogliere storie e testimonianze sulla sua madre naturale, Anna Zoli, riportando alla luce anche ricordi sepolti.




Una giornata lunga 27 anni, quella che Gabriella Bonaiuti racconta nel suo romanzo autobiografico «Un giorno a Shangai», trascorsa a ripercorrere le tracce della madre e dei fratelli naturali da cui la protagonista è stata separata quando aveva poco più di due anni. 

Ma non temete: il lieto fine esiste, e farà la sua comparsa anche in racconto così toccante...

> SCOPRI IL LIETO FINE <